ottobre 23, 2006

Un concerto dei fratelli Nistor

Da un po' di settimane, in un angolo di piazza S. Domenico Maggiore, a Napoli, si esibisce un duo di musicisti balkanici. I fratelli Nistor. In quella stessa piazza passano spesso professori dell'istituto Universitario Orientale che ha varie sedi dintorno. E' sicuramente per merito di qualcuno di loro che giovedì 26 (alle 17) i fratelli Nistor si esibiranno nella Cappella Pappacoda, di fronte a palazzo Giusso, la sede dell'orientale. Io sono in seduta di laurea, ma chi ha orecchie per intendere... (se qualcuno va e può registrare o videor., me lo dica)
(qui ci sono 30 secondi di video)

I fratelli Ilie (violinista) e Ionel (fisarmonicista) NISTOR sono eredi di una gloriosa tradizione di musicisti popolari (lautari) che ha prodotto in Romania una maiuscola cultura musicale trasmessa per via orale.
Originari di Cetate (nella regione dell’Oltenia), cresciuti in una famiglia di musicisti da almeno tre generazioni, entrambi hanno appreso sia la tecnica strumentale che il loro vasto repertorio mediante l’imitazione di quanto visto e udito compiere sotto i loro occhi dai rispettivi maestri Jon Lăietu e Costel Băloi. Detti maestri a loro volta avevano appreso tecnica e repertorio da coloro che li avevano preceduti mediante un assiduo ed intenso esercizio dell’attenzione e della memoria.

L’investimento di tempo ed energia nel potenziamento delle proprie capacità mnemoniche permette - una volta acquisito questo primo risultato – di concentrarsi sull’acquisizione di un suono qualitativamente prezioso e di un’espressione significativa e prodiga di suggestioni sul piano emotivo. Ignorare perciò la scrittura musicale non costituisce affatto nel loro caso una limitazione davvero seria ; sotto certi profili esonera piuttosto e affranca l’interprete dalla schiavitù delle carte e del leggio, ponendolo con i fruitori in contatto più immediato e generando una più emozionante vicinanza.
Quando si verifica l’evento magico per cui gli ascoltatori si sentono rapiti dal succedersi dei suoni, che formano un discorso eloquente pur facendo a meno delle parole, la musica trasmessa oralmente celebra la sua più bella vittoria sulla cultura accademica (cartacea). Si ricrea l’atmosfera esaltante dei banchetti di nozze, dei battesimi, delle feste,

occasioni tipiche in cui nei Balcani s’invitano i musicisti in qualità di prestigiosi concelebranti laici. Musica d’uso pertanto , Gebrauchsmusik, nel senso più nobile di questa espressione, musica che - intesa in questa accezione - può creare momenti d’incanto anche in mezzo al vociare e al frastuono di una via Benedetto Croce e nobilitare - una volta di più se mai ce ne fosse bisogno - il ruolo persino dell’artista di strada, che i nostri due Maestri sanno sostenere nell’attuale congiuntura senza imbarazzo, coscienti della propria bravura e certi dell’apprezzamento di coloro che di musica realmente se ne intendono.

Programma:
1. Rapsodia Română
2. Horă lui Nicuşor Dinicu
3. Baladă lui Ciprian Porumbescu
4. Horă Mărţişor lui Ciprian Porumbescu
5. Horă Albină
6. Horă fa major
7. Geamparale Dobrogeane la minor
8. Horă Concert ( I ) sol major
9. Horă Concert ( II ) sol major
10. Sârba de la Gorj la major
11. Ciocârlia

(grazie a Renzo Carlini)
Per chi avesse dei dubbi circa la congruenza del tema col contenitore: trattasi di giornalismo dal basso, I suonatori di strada sono come dei blogger della musica.

9 commenti:

Giulio ha detto...

Salve prof.! Non pensavo le piacesse la musica balkanica! Comunque volevo solo segnalarle che mi sono registrato su del.icio.us col nick niasape

e.r. ha detto...

Giulio, se vai al concerto, pensa a me e portami un ricordo.

Anonimo ha detto...

a che ora comincia il concerto?

e.r. ha detto...

Inizia alle 17. E' l'unica data italiana. Ripartono per la Romania venerdì.

niasape (Giulio) ha detto...

Mi spiace prof. ma credo che non ci sarò al concerto. In più non ho una videocamera e sarei ritornato da lei comunque a mani vuote. Sorry!

Claudiamercury ha detto...

Io verrò di sicuro e se poi è stato organizzato da lei...è deisamente imperdibile!

e.r. ha detto...

Non è stato organizzato da me. Ma penso che sia un'occasione rimarchevole. Aspetto tespimonianze. Sono costretto altrove.

Fabio Maiolo ha detto...

Salve prof. come sta? ho visto le sue performance in bici. mi permetto di darle un consiglio: un pò di olio ai freni o la sostituzione dei tacchetti.
A presto.

Fabio Maiolo

fzzzzzzz ha detto...

Piccolo moto d'orgoglio misto a nostalgia. Nel lontano 1989? boh? ho fatto demolire il muro che chiudeva la Cappella Pappacoda (costruito da quel trombone di Spinosa), e sono riuscita a consegnarla all'Orientale, i cui avvocati non erano convinti. La Cappella, senza eredi, non era più di nessuno, e non se ne veniva a capo. Spinosa mi ha anche minacciato, ma io non ero sotto di lui. Tutto si stava bloccando perché l'Orientale voleva fare una gara per stabilire che tavolo e sedie comperare, ma poi le ho scelte io in due minuti.